News

Dentro l’universo di Danilo Rea

Dopo aver gustato le varie eccellenze umbre ed aver riscoperto qualche piccolo borgo poco esplorato, è arrivato il momento di rilassarsi e pensare che presto arriveranno le feste natalizie e anche quest’anno finirà. Prendete allora un bel respiro e preparatevi a lasciarvi trascinare dalla musica: all’interno della stagione musicale 2015-2016 del Jazz Club Perugia troverete il programma dei concerti con vari interpreti fino al prossimo Aprile.
In particolare vorrei segnalarvi un evento che vede protagonista Danilo Rea, storica ed importantissima presenza di Umbria Jazz (e non solo) e tra i più talentuosi pianisti al mondo, che proporrà una evento a suon di Beatles e Rolling Stones, presso l’Auditorium Hotel Giò Jazz Area di Perugia nella serata del 1 Dicembre 2015.

Danilo Rea, come molti di voi sapranno già, è un pluripremiato pianista italiano di fama internazionale e dai trascorsi classici, pop e rock fino ad approdare al jazz. Gli elementi chiave del suo stile sono la melodia e l’improvvisazione, ma in questa serata troverete molto di più. Troverete i frutti di un progetto che ha portato a dei risultati in grado di strasmettere il suo personale trasporto per questi brani scelti dal repertorio dei Beatles e dei Rolling Stones. Lo stesso Rea infatti ha dichiarato che la scelta dei Beatles non è nuova né casuale, ma legata al fatto di essere cresciuto ascoltando la loro musica. Per questo motivo già in precedenza aveva suonato dal vivo i brani dei “Fab Four”, però questo stesso progetto lo ha anche portato ad avvicinarsi ai Rolling Stones, di cui ha particolarmente apprezzato l’intensità e la forza nei loro brani, riscoprendoli davvero soltanto suonandoli in prima persona ed è così nato il desiderio di omaggiare queste due grandi band della storia della musica.

Lo spettacolo dal vivo si chiama “Across my universe: my Beatles, my Stones” ed è correlato al nuovo album in piano solo “Something in our way” (Warner Music Italy) uscito lo scorso mese. In merito a questo suggestivo progetto, Rea ha dichiarato alla stampa che “In un lavoro in piano solo, la vera difficoltà è arrivare a esprimere con un solo strumento, e soprattutto senza la voce, la pressione di una band completa” e ancora “Quello che ho cercato di trasmettere con questo disco è un senso di apertura verso tutto, perché in realtà la musica è una sola e alla sua base c’è la melodia: è fatta per generare emozioni e la chiave per arrivarci è tutta lì”. Ora non vi resta che venire ad ascoltare di persona: vi aspettiamo!

Lascia un commento

Agriturismo La Fonte