In evidenza

estirpatore

L’estirpatore

A settembre abbiamo arato il nostro campo che sarà poi coltivato a fieno.
Avevamo programmato di lavorare ulteriormente il campo con l’estirpatore tra fine settembre ed inizio ottobre, ma abbiamo dovuto aspettare qualche settimana perché si sono susseguite alcune giornate di pioggia e il campo risultava troppo fangoso.
La vita in agriturismo richiede di essere sempre in sintonia con la natura con cui viviamo a stretto contatto e di saper aspettare quando necessario.
E l’ulteriore attesa ha dato i suoi frutti, Marco ha passato l’estirpatore!
L’estirpatore permette di togliere le radici ancora nel terreno, rompere le zolle precedentemente arate raffinando e parzialmente livellando il terreno.
A questo punto il nostro terreno può riposare per il periodo autunnale e la prima parte dell’inverno in attesa dell’erpice e della semina!
 

raccolta olive

raccolta delle olive

Come ogni anno si avvicina la raccolta delle olive e in agriturismo ci stiamo preparando…
Teniamo molto a questa attività.
Ci teniamo molto perché è un’attività che riunisce tutta la famiglia!
Ci teniamo molto perché con le olive raccolte produciamo il nostro buonissimo olio extravergine d’oliva!
L’olio per essere extravergine deve avere un’acidità tra 0 e 0.8%. L’olio La Fonte ha un indice di acidità dello 0.01%.
Ci teniamo molto perché l’oliveto, con i 400 alberi di olivo, è parte integrante dell’agriturismo occupando uno spazio importante con la sua forma ad anfiteatro e la vicinanza agli appartamenti.
E ci teniamo molto perché i nostri clienti possono seguire tutte le fasi della raccolta, venire a visitare insieme a noi il frantoio, dove porteremo il nostro raccolto, e degustare il nostro olio!

Nella foto, Paola alle prese con la raccolta.
 

panni stesi al sole

La poesia dei panni stesi al sole!

Un’abitudine tutta italiana che si tramanda di generazione in generazione. Una tradizione che ha caratterizzato i vicoli dei centri storici delle nostre città, che tanto spazio ha avuto nel cinema italiano e che per molto tempo ha caratterizzato il nostro immaginario.
Fili stesi tra i palazzi e fatti scorrere da carrucole o sporgenti dai balconi per permettere ai panni di avere lo spazio sufficiente per muoversi alla brezza del vento e riscaldarsi alla luce del sole.
Tovaglie, lenzuola, federe, vestiti appena lavati a colorare le facciate dei palazzi, i vecchi vicoli e i cortili.
A La Fonte abbiamo mantenuto questa tradizione!
Abbiamo realizzato un grande stendino in legno, sopra il prato all’inglese. In una parte del cortile in cui il sole batte a lungo. I fili sono lunghi e distanziati e gli asciugamani colorati, che ondeggiano al vento, danno un senso di gioia e pace alla vista!
Questo compito, routinario nella vita dell’agriturismo, ci accompagna in tutte le giornate di sole.
Da noi lo spazio non manca e sappiamo che i panni stesi al sole hanno un profumo particolare che non può essere riprodotto stendendo al chiuso o con l’ausilio di un’asciugatrice. Un profumo più intenso che riesce ad esaltare quello del sapone… Un profumo di pulito!
 

legna

LEGNA ACCATASTATA

Uno dei lavori più importanti nel periodo autunnale comprende tutte le attività dedicate alla legna.

Marco ha già provveduto ad accatastare 600 quintali di legna!
Ha creato due cataste, una di rami e una di tronchi.
Le due cataste si trovano fuori dalla vista degli appartamenti vicino al grande campo arato, che sarà coltivato a fieno.

La legna della catasta di rami verrà man mano tagliata durante il lungo processo di stagionatura.
Mentre la legna più grossa verrà prima spaccata in quattro parti e poi tagliata in ceppi che saranno accatastati ad essiccare in una legnaia esterna.

La legnaia esterna si trova nella parte dell’agriturismo adiacente alla zona dedicata ai nostri bellissimi animali da cortile: caprette, oche, papere, gallline e faraone!

La legna verrà poi usata per il camino, la stufa, il forno a legna e i barbecue.
 

campo arato

GRANDE CAMPO ARATO DA COLTIVARE A FIENO

Settembre è il mese di passaggio dall’estate 🌞 all’autunno 🍂
Se, quindi, la piscina è ancora in funzione e gli spazi aperti sono ancora verdeggianti, allo stesso tempo iniziano le prime attività in vista della prossima stagione.

Marco ha già provveduto ad arare un grande campo che si trova all’interno dell’agriturismo, fuori dalla vista degli appartamenti, ma facilmente raggiungibile con una passeggiata nel verde.
Questo campo, oggi caratterizzato dalle zolle di terra smosse, sarà coltivato a fieno.
Avremo così un bel prato verde ad aprile e il primo taglio di fieno a maggio!

E poi … le ballette di fieno per i nostri bellissimi cavalli!
Cavalli che i nostri clienti vedono spesso passeggiare e trottare tra gli olivi dell’agriturismo!
 

Agriturismo La Fonte