News

Quando i Morti fanno allegria…

Attesissima come sempre, la Fiera dei Morti, torna a Perugia piena di occasioni e novità da non perdere. L’evento, che come consuetudine si tiene ogni anno dal 1 al 5 Novembre, dalle ore 9 alle 21, si preannuncia da subito un grande successo anche quest’anno.
Già nella precedente edizione, infatti, si sono registrati qualcosa come 800.000 visitatori e la fiera si tiene contemporaneamente in due aree della città: nell’ampio spazio dell’area parcheggio a Pian di Massiano, dove sono collocati più di 500 stand, e nel centro storico, dove sono ospitate altre 100 bancarelle.

Tantissime sono le cose da vedere e le occasioni per lo shopping alla portata di tutti. Alla fiera, infatti, potete trovare davvero qualsiasi cosa per l’abbigliamento, dalla biancheria alla pelletteria, e poi articoli di bigiotteria, ferramenta, accessori auto, per caccia e pesca, profumeria, erboristeria, artigianato, prodotti per la casa, libri, quadri, giocattoli, prodotti per animali, tanti graziosissimi cuccioli, ma anche prodotti alimentari, dai dolciumi ai formaggi, con numerosi punti ristoro dove trovare crepes, caldarroste e panini.

Un vero e proprio centro commerciale a cielo aperto, dove però è anche possibile trovare idee regalo, soluzioni originali o anche pregiate. L’artigianato è vasto, dalle ceramiche ai mobili in legno, dall’oggettistica varia in ferro e vetro ai prodotti agricoli come miele, frutta e verdura.
Tante quindi le particolarità, tra cui perfino uno speciale francobollo che potete trovare presso lo stand dell’associazione filatelica Vermiglioli.

In centro, invece, ci sono diverse tipologie di espositori, distribuiti nelle varie piazze. Grazie all’iniziativa delle Città Gemelle, si trovano stand di enogastronomia, artigianato ed antiquariato davvero unici.

Qui, infatti, vi sono i coralli con lavorazione tipica Sarda, oggetti in legno dalla Slovenia, il caffé Fusari, tipicità enogastronomiche della Calabria, Puglia, Campania, Sicilia, Sardegna, Austria e Tirolo. Ben 8 stand provengono dall’Ungheria (Bratislava) per proporre il loro artigianato in rame, i cristalli, i tappeti e il vino al miele. C’è poi l’artigianato dei tessuti dalla Germania, le tipicità francesi che spaziano dal gastronomico ai manufatti.
Insomma, che state aspettando? Venite a trovarci!

Lascia un commento

Agriturismo La Fonte